Hai mai pensato alla possibilità di poter celebrare il tuo matrimonio in casa? Scegliere la location perfetta per il matrimonio non è cosa semplice. L’Italia è piena di meravigliose dimore storiche, castelli, giardini, tenute, ville perfettamente organizzate ed attrezzate per accogliere ospiti e celebrare eventi come un matrimonio. A questa grande vastità di offerte che il nostro paese ci propone c’è anche la possibilità di celebrare un matrimonio in casa.

Ricordi la frase che Dorothy pronuncia nel Mago di Oz? “Nessun posto è bello come casa mia”. È esattamente da qui che voglio partire. Ci sono location oggettivamente perfette, con vista mozzafiato e curatissimi giardini, ma nessuno di questi posti saprà regalarti l’emozione di sentirti come a casa.

Se scegliere una dimora privata per il ricevimento di nozze può sembrare semplice ti assicuro che è tutt’altro che facile e che di certo avrai bisogno dei consigli di un professionista che ti guidi nella gestione di tutti gli aspetti logistici ed organizzativi. Valentina Casagrande, wedding planner specializzata in eventi in dimore private, ti aiuterà a scoprire come organizzare un perfetto matrimonio in casa. Ho intervistato Valentina e voglio condividere con te i suoi preziosi consigli.

Ph. Morlotti Studio

Tutto nasce da un’esigenza personale

Valentina mi racconta che per il suo matrimonio aveva un grande desiderio, quello di sposarsi nella casa in montagna della sua famiglia. Un’idea che poi ha dovuto abbandonare a causa dei tanti apparenti problemi logistici ripiegando così su una scelta più “pratica”. “L’idea di specializzarmi nell’organizzazione di matrimoni in casa nasce dalla voglia di dire agli sposi che lo desiderano che si può, e che il mio aiuto può permettergli di realizzarlo. Organizzare matrimoni in casa non è stata una scelta quanto piuttosto una serie di occasioni che mi hanno permesso di aprire gli occhi su una realtà che in fondo mi è sempre appartenuta. La casa è per me, da che ho ricordo, luogo di forti emozioni. Da quando muoviamo i primi passi a quando impariamo le prime ricette di cucina, la casa è un silenzioso spettatore che registra ogni istante della nostra crescita. Come può non essere anche il luogo dove trascorrere il giorno più importante della nostra vita? È con questo spirito che ho iniziato a proporre alle coppie che si rivolgevano a me un matrimonio in casa.

La dimora adatta a celebrare il matrimonio in casa

L’idea di poter celebrare un matrimonio in casa incuriosisce davvero tanto, e mi chiedo quali sono le case che si prestano per questo tipo di evento? Valentina mi spiega che per valutare se un’abitazione è più o meno adatta ad un matrimonio bisogna mettere da parte l’aspetto emozionale e dare spazio alla praticità. Mi racconta che come regola universale vale la proporzione tra il numero degli invitati e i metri quadrati a disposizione. Se dunque immagini il tuo matrimonio con 200 invitati nel soggiorno del tuo monolocale, il consiglio è di cambiare location.

Leggi anche:   Un' alternativa al classico tableau: wedding escort cards
Ph. Morlotti Studio

Il valore del matrimonio

Ma cosa ha di diverso dagli altri un matrimonio in una dimora privata? Anche qui le emozioni giocano un ruolo fondamentale. Ognuno di noi ha un luogo del cuore, la casa di campagna dei nonni, la casa delle vacanze al mare, la seconda casa al lago, un terreno o una dimora ereditati da una persona cara magari, o un luogo a cui i nostri genitori hanno dedicato anni di lavoro e sacrifici per poterlo costruire. Tutti questi luoghi raccontano di noi, dei nostri ricordi e della nostra storia, inevitabilmente questi aspetti nell’organizzazione delle nozze trapeleranno dando una forte connotazione personale. Studiare il design di un matrimonio in casa è incredibilmente stimolante e allo stesso tempo forse il momento più intimo per me e la coppia. Entro in contatto con molte storie della loro vita, una semplice teiera, una seggiola, un comò o una cornice possono dire tantissimo e diventare parte integrante di un racconto che arriva fino all’altare.

Ph. Alberto Gobbato

Le difficoltà di un matrimonio in casa

Tralasciano per un attimo le emozioni, ci sono degli aspetti pratici da considerare e non sottovalutare. Questa riflessione vale per tutti gli eventi in generale, ma in particolare se decidi di ci celebrare le tue nozze in casa. Sono molte le difficoltà che si incontrano di frequente, ma la filosofia di Valentina è che ad ogni problema c’è una soluzione. Appurato che gli spazi sono fondamentali, nello specifico ci riferiamo quindi a case che abbiano ampi spazi esterni laddove il numero di invitati non fosse proporzionato alla capienza delle stanze interne. Non soffermiamoci solo al momento del convivio ma a tutti quegli spazi accessori indispensabili come l’area per l’aperitivo, la sala per il ballo, il guardaroba o la zona fumatori che in caso di mal tempo dovrà anch’essa essere coperta.

Tutti gli aspetti da considerare

Garantito lo spazio a disposizione non parlerei di difficoltà ma di cose a cui prestare attenzione. Ad esempio, va sempre calcolato l’aspetto meteorologico e il piano B studiato ancor prima del Piano A. Questo implica oltre all’eventuale montaggio di tensostrutture anche lo studio dei percorsi per gli ospiti e per i fornitori, per cui pedane o corsie vanno contemplate.

Se il numero degli invitati non è davvero contenuto, preferisco sconsigliare l’utilizzo dei bagni padronali per evitare eventuali danni e disagi, meglio sempre utilizzare delle toilette a noleggio, ci sono ormai aziende che realizzano cabine e aree wc perfettamente accessoriate e assolutamente idonee anche dal punto di vista estetico. 

Ph. Alberto Gobbato

Altro aspetto da non sottovalutare è il potenziamento della casa. Cucine, service audio e luci influiranno rispetto ai normali usi. In base ai consumi previsti potrebbe esserci l’esigenza di richiedere un aumento temporaneo di kw o il noleggio di uno o più generatori elettrici, consigliarne uno di scorta potrebbe sembrare esagerato ma vi assicuro che la prudenza non è mai troppa, ritrovarvi al buio nel bel mezzo del taglio della torta non sarebbe carino.

Le cucine, tasto apparentemente dolente. Generalmente un buon catering è attrezzato per adattarsi alle situazioni più disparate. Ma va senz’altro valutato nel caso di spazi ridotti la possibilità di installare una cucina da campo in appoggio a quella esistente, defilata e discreta ma non troppo lontana dallo svolgimento del ricevimento per permettere ai camerieri di raggiungere agilmente i tavoli dei commensali coi piatti ancora ben caldi.

Anche i parcheggi sono un fattore importante ma prevedere dei mini-transfer potrebbe diventare un modo simpatico per risolvere l’impasse con eleganza. Verificate che non ci siano incomprensioni per il passaggio di servitù, nel caso ne aveste uno, il rapporto cordiale con i vicini vi faciliterà notevolmente non sono il giorno delle vostre nozze ma soprattutto i giorni che lo precedono dove il via vai dei fornitori potrebbe essere più frequente.

E l’aspetto burocratico?

Già l’aspetto burocratico, per quanto noioso non è da sottovalutare. Valentina mi spiega che un matrimonio civile perché sia riconosciuto legalmente deve essere svolto da un referente comunale o tramite deroga da terzi all’interno di una casa comunale. Molte location oggi hanno concesso delle piccole aree delle loro proprietà a questo scopo. In una casa privata non sarebbe possibile, ma una soluzione alternativa che lascia grandissimo spazio all’immaginazione e alla personalizzazione è il matrimonio simbolico. È possibile, una volta apposte le firme nel registro comunale, celebrare simbolicamente davanti alle persone care le proprie promesse riproducendo gli usi che arrivano da oltreoceano. 

Ph. Morlotti Studio

Quanto costa celebrare le nozze in casa

Pensavo, che scegliendo di celebrare le nozze in casa e non dovendo destinare buona parte del budget per l’affitto di una location ci sarebbe stata una qualche forma di risparmio. Ebbene mi sono dovuta ricredere.

Leggi anche:   I Colori per il matrimonio 2017

Organizzare un matrimonio in casa non è fra i più economici. È vero che il costo del noleggio della location non graverà sul budget ma, rendere la propria dimora perfettamente idonea per ospitare un ricevimento importante come quello delle nozze, prevede certamente dei costi aggiuntivi. Non è semplice fare una stima perché le variabili sono infinite… condizioni dell’immobile, studio del paesaggio, tipologia di allestimento previsto, noleggio di arredi, tipo di menù o di intrattenimento, potrei proseguire per ore… anche qui il numero degli ospiti la fa da padrone. Uno dei miei compiti è aiutare gli sposi proprio nella suddivisione del budget, fare in modo che la cifra da loro stabilita venga suddivisa con criterio fra tutte le voci necessarie e, ove non fosse palesemente sufficiente per esaudire le loro aspettative, avvisarli preventivamente al primo incontro. Non sono in grado perciò di dare un prezzo universale perché non sarebbe veritiero e varia moltissimo da regione a regione. 

Ph. Alberto Gobbato

Gli aspetti da considerare per organizzare le nozze in casa

Va considerato che per organizzare un matrimonio in casa la pianificazione è laboriosa e questa richiede almeno un anno di tempo, non solo per gli aspetti logistici ma anche per esempio per eventuali manutenzioni del giardino o degli spazi esterni. La dimora deve poter essere accessibile per gli indispensabili sopralluoghi, se per esempio abiti a Catania e la tua casa è a Cortina dovremo studiare insieme come poter rendere il tutto fattibile per evitare di crearti inutili disagi e spostamenti non necessari. Nel caso invece tu volessi realizzare le nozze nella casa in cui vivi attualmente, sarà mia cura e di tutti i fornitori rispettare la tua privacy, entrando in punta di piedi nella vostra sfera personale.

Come inizia una consulenza

La consulenza, dopo qualche domanda generale dal momento in cui viene presa in carico la richiesta degli sposi, nel caso fossero impossibilitati a raggiungere il mio ufficio che si trova a Conselve in provincia di Padova, si procede con una videochiamata conoscitiva. Gli sposi mi raccontano delle loro richieste e desideri. Prima di procedere con la stesura del contratto e iniziare questo meraviglioso viaggio insieme, sarà necessario per me valutare le condizioni della proprietà per poter definire insieme la fattibilità dell’evento. Verificato che le condizioni sono idonee non ci resta che divertirci!

Ph. Alberto Gobbato

Un matrimonio intimo in casa

Si può organizzare un matrimonio intimo in casa? Assolutamente sì. Capienza e budget potrebbero essere decisivi nella scelta del numero degli ospiti, è chiaro che gestire per esempio 30 invitati rispetto a 200 richiedere un tipo di impegno diverso. Nella definizione di matrimonio intimo però personalmente non mi soffermerei solo all’idea di un numero ristretto di persone ma alla creazione di un ambiente curato in ogni dettaglio, un ambiente che parli degli sposi in modo più profondo, anche questo per me è intimità e non è detto che non possa essere ricreato anche con un numero di ospiti più considerevole.

Ph. Alberto Gobbato

La chiacchierata con Valentina, è giunta al temine. Puoi però continuare a seguirla sul suo canale instagram e contattarla se anche tu immagini il tuo matrimonio in un luogo intimo come casa. Voglio chiudere questa intervista con una frase che esprime tutta la passione che Valentina mette nel suo lavoro: ovunque una dimora si trovi, da nord a sud, da est a ovest, io sarò più che entusiasta di poter aiutare gli sposi a realizzare il loro sogno.

Continua a leggere! Ti potrebbero interessare anche:

Leggi anche:   5 buoni motivi per scegliere il first look