fbpx
Da wedding planner a sposa. Un matrimonio country in Toscana

Da wedding planner a sposa. Un matrimonio country in Toscana

Pin It

Quando è una wedding planner a sposarsi è un evento nell’evento. Quando poi quella stessa wedding planner sceglie il mio blog per raccontare il suo matrimonio non posso che esserne felice e davvero onorata.

Quello di Cecilia e Giuseppe è un matrimonio country e bucolico, curato nei minimi dettagli come solo una wedding planner sa fare, ma soprattutto pieno di consigli per chi si accinge ad organizzare un evento così importante. Oggi vi porto in Toscana, tra le colline lucchesi, a Villa Bruguier  in una meravigliosa dimora del XVIII secolo.

Godetevi il racconto di Cecilia di Righe e Pois – Natural Wedding!

matrimonio countryUn matrimonio country in Toscana

Da Cecilia…Da brava wedding planner ho iniziato a pianificare il mio matrimonio cercando una data, un mese, una stagione che potesse essere perfetta per le nostre esigenze. Avevo solo una certezza, doveva essere l’11, numero che ritorna spesso nella storia della mia famiglia. Partendo da questa prima ed unica certezza abbiamo scelto il primo giorno con data 11 che cadesse di sabato.

Non volevo sposarmi a settembre, ma neanche ad agosto, così il mese che ci è sembrato perfetto è stato giugno. Da wedding planner so che il tempo a giugno è imprevedibile, avevamo bisogno di una location che ci permettesse in caso di necessità di ripararci dalla pioggia ma che allo stesso tempo non impattasse troppo sul costo di tutto l’evento. Ebbene sì, anche noi wedding planner abbiamo ovviamente un budget da rispettare!

matrimonio country

Abbiamo girato tanto per trovare la location giusta, finché abbiamo trovato La Limonaia di Villa Bruguier che ci è sembrata la soluzione perfetta. Avevo sempre sognato un matrimonio in mezzo alla natura che rimanesse a metà strada fra il country e il bucolico ma che non fosse troppo rustico, ricercato ma allo stesso tempo semplice, come lo siamo noi come coppia. La villa è tutt’oggi abitata, e ha un parco antistante con dei giardini, che sono sfruttabili in base al numero degli invitati. A lato del giardino che avremmo usato per l’aperitivo un albero maestoso che non sapevamo sarebbe diventato fondamentale nella scenografia del nostro matrimonio. Abbiamo scelto colori dai toni naturali, rosa cipria e molti dettagli in carta kraft, spago e legno in stile shabby.

matrimonio country

matrimonio country

matrimonio country

matrimonio country

matrimonio country

matrimonio country

La scelta dell’abito

Scelta la location, era tempo di cercare il mio abito da sposa. Se per molte spose questo è un momento molto atteso per me è stato un momento molto temuto. Ho un fisico piuttosto minuto e non volevo un abito che si dovesse totalmente riprendere. La soluzione migliore per me è stata scegliere un vestito su misura. Avevo le idee piuttosto chiare di come dovesse essere il mio abito: un’ampia gonna in tulle e tanto pizzo. Una scollatura sulla schiena e dei bottoncini rivestiti di pizzo rebrodè per rifinire la chiusura. Ho scelto di farmi confezionare l’abito dall’Atelier Mary, che dopo il primo appuntamento in cui abbiamo passato in rassegna tutte le mie idee, i miei dubbi e le mie richieste, ha realizzato un bozzetto procedendo poi con la realizzazione dell’abito. Il velo era semplicissimo. Per le scarpe ho scelto un paio di open toe rosa cipria in vernice, non amo le classiche scarpe da sposa e non volevo impegnare troppo budget per questa spesa. Ho optato per un cambio scarpe dopo la cerimonia, indossando delle comodissime Converse. A completare il mio outfit ho abbinato un bouquet di anemoni, rose inglesi, viburnum berry e amni manjus. 

Giuseppe come me ha tenuto top secret tutti i dettagli del suo abito. Completo blu, camicia bianca, gilet e scarpe nere. L’unica cosa che avevo già visto erano papillon e pochette.

matrimonio country

matrimonio country

matrimonio country

Coordinato Grafico

Ho scoperto per caso i lavori di Susanna Mancini e mi sono innamorata di una sua suite coordinata in carta Kraft. Il pacchetto ci offriva già le stampe e le buste. Un particolare che ho amato è il piccolo adesivo con il nostro monogramma che chiudeva la busta dell’invito. Con le stesse grafiche ho fatto realizzare anche gli adesivi per i barattoli delle bomboniere, l’impianto per il topper cake e il timbro per i sacchettini della confettata. Topper cake e timbro sono stati realizzati da Il Castello di Zucchero.

Gli elementi per il tableau (dei cuoricini in legno), i cartoncini per i gusti dei confetti, la segnaletica, le grucce e alcune scritte sono state realizzate in stile dalla calligrafa Stefania Bimbi.

La Cerimonia

Ci siamo sposati nella chiesa del nostro quartiere, ad Antraccoli, perché è qui che vogliamo creare la nostra famiglia. Visto che la maggior parte dei nostri ospiti non era del posto, durante la ricerca della location per la festa abbiamo cercato di non spostarci troppo. Abbiamo scelto per i nostri ospiti due B&B entrambi nel raggio di pochi chilometri, che fossero facilmente raggiungibili al termine della festa anche per chi era senza macchinaLa Chiesa è stata allestita con addobbi piuttosto semplici: rose vendela, ranucoli, lysianthus, tutto bianco con giochi di altezze di vasi cilindrici. All’uscita il tradizionale lancio del riso e bolle di sapone. Ho acquistato le bolle di sapone, su Martha’s Cottage, scegliendo la tradizionale forma a torta e li ho messi a disposizione degli ospiti all’uscita della Chiesa. I colleghi di Giuseppe hanno portato a sorpresa degli spara coriandoli colorati con paracadute. Si è creata un’atmosfera bellissima e festosa.

Catering e Dolci

Sul catering non c’è stato alcun dubbio. Dal primo momento la nostra scelta è caduta su Wedding & Co. Antonella, responsabile del catering, ci ha sapientemente seguito in tutta l’organizzazione dell’evento. L’apparecchiatura era apparentemente semplice ma allo stesso tempo ricercata. Tovagliato in cotone beige, sottopiatto Mozart e bicchieri Mondo. Desideravo utilizzare dei vassoi come centrotavola e bazzicando sul web ne abbiamo trovati in legno e metallo di due differenti tipologie. Sono stati utilizzati alternati in base alla dimensione del tavolo. Sopra i vassoi sono stati posti dei vasi Bormioli con bouquet di fiori, ovviamente uguali al mio bouquet. Abbiamo dato inizio ai festeggiamenti a Villa Bruguier accogliendo i nostri ospiti con un aperitivo di benvenuto in uno dei giardinetti della villa, sentendoci come se fossimo i padroni di casa. Con molta naturalezza, l’atmosfera gioiosa e informale che io e Giuseppe desideravamo ha preso vita. Ci siamo poi spostati all’interno della Limonaia, in un ambiente rustico e molto semplice allestito con tavoli tondi. Non mi piace l’idea che gli sposi siedano al tavolo da soli, così abbiamo fatto in modo di sederci assieme ai nostri testimoni. Abbiamo scelto un menù che rispecchiasse la tradizione lucchese ma un po’ rivisitata. Ci tenevamo a far assaggiare ai nostri ospiti piatti tipici ma che non fossero da sagra con l’aggiunta di qualche piatto particolare. Le Bontà ci ha preparato una naked cake buonissima. Dischi a vista a base di pan di spagna, crema chantilly e frutta fresca come decorazione. La nostra wedding cake ha fatto il suo ingresso su uno specchio in mezzo a tanti fiori e candele. Tra stelline scoppiettanti e con la nostra canzone dei Muse la torta si è rapidamente smaterializzata sotto i nostri occhi.

matrimonio country

matrimonio country

Allestimento

Per gli allestimenti mi sono concentrata su pochi elementi che rispecchiassero la nostra semplicità quotidiana. L’area dedicata all’aperitivo immersa nel verde era vestita dai tavoli del buffet, e in un angolo spuntava da un albero il photobooth allestito con cornici e una sedia trovata in un mercatino locale. Il tableau è stato ricavo da un pancale che ha carteggiato e ridipinto Giuseppe, ma i nostri ospiti sono stati liberi di scegliere dove sedersi.

matrimonio country

Bomboniere e Confetti

Per le bomboniere avevo le idee molto chiare. Da tempo avevo in mente di utilizzare dei semi o dei bulbi. In linea con il mio bouquet ho acquistato 400 bulbi di anemone su Amazon. Ho confezionato, personalmente le mie bomboniere una ad una, inserendo i semi all’interno di un barattolo con chiusura ermetica, chiuso con doppio fiocco e fermato con spago ed adesivi realizzati da Imis Labels su disegno di Suze Studio design. Il catering li ha posizionati dentro cassette di legno bianche sul tavolo della confettata.

matrimonio country

matrimonio country

I miei consigli

Come faccio con tutti i miei sposi anche per noi il matrimonio è stato un momento in cui abbiamo cercato di tirare fuori tutta la nostra personalità. Abbiamo scelto e voluto produttori e cibo rigorosamente locali ed elementi fatti a mano. Avevamo molti invitati provenienti da fuori e volevamo per loro il massimo della comodità e del relax, era fondamentale che si sentissero accolti. Estremamente importante è stato definire un budget e le priorità di spesa. Unico metodo efficace per decidere su cosa concentrarsi. Le spese in un matrimonio sono davvero tante e sapere su cosa proprio non puoi scendere a compromessi aiuta a prendere con serenità tutte le decisioni. Ho cercato ispirazione principalmente online, e ho iniziato a costruire e condividere con Giuseppe la nostra moodboard. Avendo abbastanza esperienza nel settore molte idee erano già chiare nella mia mente. Ovviamente sono stata facilitata anche nella scelta dei fornitori. Sapevo perfettamente con chi volevo assolutamente lavorare.

Sono una persona precisa ed esigente, lo devo essere per i miei sposi e lo sono stata ugualmente per il nostro giorno. La cosa che mi ha reso estremamente felice è che i nostri ospiti ricordano il nostro matrimonio come una festa familiare e festosa, ed era esattamente quello che noi volevamo. Un grazie va a tutti i fornitori che ci hanno seguito e a Monica e Marco che hanno realizzato con un reportage il servizio fotografico del nostro matrimonio. si pensa che le wedding planner conoscano tutte le location e i catering. In realtà la cosa fondamentale non è aver lavorato in quella location o con quel catering ma fare le domande giuste ai fornitori e far si che tutto funzioni indipendetemente dall’aver lavorato insieme. Ci sarà sempre una prima volta! 

Grazie a Cecilia di Righe e Pois – Natural Weddings per aver condiviso con me ed i miei lettori le immagini e i ricordi del suo matrimonio!

Leggi anche:   matrimonio ispirato alla corte di Marie Antoniette

Hai una domanda da fare, un dubbio di cui ti piacerebbe parlare con una wedding planner? Richiedi la tua consulenza gratuita! 15 minuti dedicati a te da un professionista del wedding!

Credits

Planning: Righe&Pois Natural Weddings//Catering: Wedding&Co. Catering//Fiori: Fiori Fiori Lucca// Location Ricevimento: Villa Bruguier//Foto: Marco Fantauzzo//Open Bar: The Bartending// Torta: Le Bontà//Stationery: Suze Studio + Il Castello di Zucchero//Calligrafa: Stefania Bimbi//Abito Sposa: Atelier Mary

Continua a leggere! Ti potrebbero interessare anche:

 

Share This Post

Leave a reply

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code